Gira el teu dispositiu per visualitzar aquesta web.

Si veieu aquesta pantalla a l'ordinador, proveu de reduir el zoom.

Linapolina

primera part
 

  1. Eterne città’ del sud (fragment d’Il mio cuore è nel sud, de Patroni Griffi)
  2. Io te vurria vasa' (V. Russo – F. Di Capua)
  3. Era de maggio (S. Di Giacomo – Costa)
  4. Core n'grato (Cardillo – Cordiferro)
  5. ‘Amore mio ti aspetto ancora’ (poema de L. Sastri)
  6. O’ surdato nnammurato (A. Califano – E Cannio)
  7. ‘Non voglio più speranze nel futuro’ (poema de L. Sastri)
  8. Maria marì (V. Russo – F. Di Capua)
  9. Canzone appassiunata (E. A. Mario)
  10. ‘Mi viene in mente un volto fra le onde’ (poema de L. Sastri)
  11. Reginella (Bovio – Lama)
  12. monòleg de Filumena Marturano, d’Eduardo De Filippo
  13. Napuletanata (S. Di Giacomo)
  14. monòleg de Filumena Marturano, d’Eduardo De Filippo
  15. Scetate (P.M. Costa – S. Russo)
  16. Passione (Bovio – Tagliaferri – Valenti)
  17.  Guapparia (Falvo – Bovio)
  18. Bammenella (Viviani)
  19. ‘Mi hai fatto litigare con le stelle’ (poema de L. Sastri)
  20. Nun me sceta' (Murolo – Tagliaferri)

 segona part

  1. Tango di Nefelis (McKennitt – H. Alexiou)
  2.  Tutta pe mme (Fiore – Lama)
  3. ‘Quanta buscie’ (poema de P. Ruocco)
  4. O sole mio (G. Capuano – E. Di Capua)
  5. Tarantella del Gargano (anònim)
  6. Nascette mmiez, o mare (R. De Simone)
  7. Guarracino (anònim)
  8. Maruzzella (R. Carosone – E. Bonagura)
  9. Luna rossa (Vivian – De Crescenzo)
  10. ‘E ti odio città matrigna senza cuore’ (poema de L. Sastri)
  11. Tammurriata nera (E. A. Mario – Nicolardi)
  12. Taranta (anònim)
  13. Torna a Surriento (E. De Curtis – G.B. De Curtis)
Era de maggio e te cadéano 'nzino,
a schiocche a schiocche, li ccerase rosse...
Fresca era ll'aria...e tutto lu ciardino
addurava de rose a ciento passe...
Era de maggio, io no, nun mme ne scordo,
na canzone cantávamo a doje voce...
Cchiù tiempo passa e cchiù mme n'allicordo,
fresca era ll'aria e la canzona doce...
 
E diceva: "Core, core!
core mio, luntano vaje,
tu mme lasse, io conto ll'ore...
chisà quanno turnarraje!"
Rispunnev'io: "Turnarraggio
quanno tornano li rrose...
si stu sciore torna a maggio,
pure a maggio io stóngo ccá...
Si stu sciore torna a maggio,
pure a maggio io stóngo ccá."
 
E só' turnato e mo, comm'a na vota,
cantammo 'nzieme lu mutivo antico;
passa lu tiempo e lu munno s'avota,
ma 'ammore vero no, nun vota vico...
De te, bellezza mia, mme 'nnammuraje,
si t'allicuorde, 'nnanz'a la funtana:
Ll'acqua, llá dinto, nun se sécca maje,
e ferita d'ammore nun se sana...
 
Nun se sana: ca sanata,
si se fosse, gioja mia,
'mmiez'a st'aria 'mbarzamata,
a guardarte io nun starría !
E te dico: "Core, core!
core mio, turnato io só...
Torna maggio e torna 'ammore:
fa' de me chello che vuó!
Torna maggio e torna 'ammore:
fa' de me chello che vuó "
 
(S. Di Giacomo – M. P. Costa)
 

Cor: Maruzzella Maruzzè
 
I.
Ohè! Chi sente?
E chi mo canta appriesso a me?
Ohè, pe' tramente
s'affaccia 'a luna pe vedè!
Pe tutta sta marina
'a Procida a Resina
se dice: guarda llà
'na femmena che fa!
Ritornello
Maruzzella Maruzzè,
t'he miso dint'a lluocchie
'o mare e m'he miso
'npietto a me 'nu dispiacere.
'Stu core me fai sbattere
chiu forte 'e ll'onne
quanno 'o cielo è scuro:
primma me dice si,
po' doce doce me fai muri.
 
Cor: Maruzzella Maruzzè
 
II.
Ohè! Chi m'aiuta?
Si tu nun viene a m'aiutà?
Ohè, m'è venuta 'na voglia
ardente 'e te vasà.
E vienetenne oj bella
e damme sta vucchella
ca pe' m'avvelenà 'e zucchero
se fa!
 
(R. Carosone – E. Bonagura)

Amore amore mio ti aspetto ancora
non mi rassegno, non mi voglio fermare
dentro una vita senza gioie e dolori
dentro una stanza che non vede il cielo
e quando arriverai tu sarai il mare che va e che viene e che mi dà pace
tu sarai il vento che mi muove i capelli
sarai la luce che mi splende negli occhi
e andrò per strada senza farmi male
ad occhi chiusi senza più paura
amore amore mio ti aspetto ancora
come un tramonto che mi toglie il fiato
come un dolore che non mi dà pace
come un ricordo che non vuol morire
e coralli al mio collo
e fiori e perle
e abito rosso fuoco e profumo di sale
e sarò bella al lume di candela toccandoti le mani e di capelli
la luna e il sole nello stesso cielo


Non voglio più speranze nel futuro
voglio tornare a credere nei sogni, ma forte antica
immobile nel vento, di pietra e lava,
fuoco di vulcano, acqua di mare, aria di respiro, terra di cielo
non datemi certezze ma battaglie, gioie e dolori di una anima viva che crede ancora che la vita è bella.
Butto il sale alle spalle e volo via
mi ricordo degli occhi di una volta, quelli aperti sul sole e sulla vita, quando senza paura nascondevo sorrisi e baci impavidi, al riparo, nel segreto de cuore
e ridevo solo se lo sentivo, e le regalavo a chi mi amava la mia libertà. E accettavo il dolore e la stanchezza era solo d’amore.
Butto il sale alle spalle e volo via, e mi godo i colori della sera, del sole che sparisce dentro il mare e colora le nuvole di rosso e giallo e verde e mi bagna di luce.


Mi viene in mente un volto fra le onde, gli occhi rivolti in alto, sorridente
giovane, con il cuore in mano
puro, appagato, innocente
innamorato
ed ero io.


Mi hai fatto litigare con le stelle
dimenticare i sogni
aprire gli occhi
ho contato le ore della notte a una a una
ho aperto al porta della mia casa vuota
ho comprato gioielli solo per fare luce fino quasi a morire
e poi
il mare si è mosso ancora mi ha salutato come faceva un tempo
si è alzato il vento e mi ha dato respiro
ho sentito il sapore della vita, della musica
e ho ripreso la strada
danzando sola libera appassionata come una ballerina col tutú
ma gli occhi sono aperti.

No nun è state a sentere e canzone
chistu mare è celeste o cielo è d’oro
ma stu paese nun è sempe allero
nun sponta sempe a luna a marechiaro
e nun se canta e se fa sempe ammore
cheste so’ fantasie de furastiere
si vui vulite bene a stu paese scennite nzieme a me per strade antiche
guardate dint e vasce e fore e chiese
quanta malincunia pe strade scure addo nun trase sta aria e primmavera
guardate quanta sante nfaccia e mure
sta gente puverella crede a dio
patisce rassegnata e pare allera
e chi è cecto canta o sole mio
quanta buscie ca diceno e canzone.


E ti odio città matrigna senza cuore,
odio la tua indifferenzza, il tuo cinismo, odio i tuoi suoni antichi,
di gola profonda e di caverna buia, senza luce di sole ne di cielo
e credo
che la poesia qui è nata per iscatto
per desiderio di vita
che la musica qui è nata
per mancanza di dio.

Lina Sastri Nàpols, 1953

Lina Sastri és actriu, cantant, escriptora i artista escènica. En teatre ha treballat amb Eduardo De Filippo, Giuseppe Patroni Griffi, Armando Pugliese, Roberto de Simone, Pierluigi Pizzi, Franco Rosi, Luca De Filippo, Crivelli, Luca del Fusco i Lluís Pasqual, entre altres. Ha estat guardonada amb els premis Ubú i el premi Curcio de teatre.
En cinema ha estat sota les ordres de Nanni Loy, Nanni Moretti, Mingozzi, Lizzani, Tognazzi, Damiani, Bertolucci, Squitieri, Giuseppe Tornatore, John Turturro, Gianlucca Mingotto, Susanna Nicchiarelli i Woody Allen. Ha rebut tres David de Donatello i dos Nastro d’Argento, el premi internacional Elsa Morante i diverses distincions, tant a Itàlia com a l’estranger.
Com a actriu de televisió ha protagonitzat diverses sèries, com ara La Bibbia, S. Rita da Cascia e don Bosco, San Pietro, Naiti ieri i Assunta Spina.
En l’àmbit musical, va començar cantant la banda sonora d’una de les seves pel·lícules més destacades, Mi manda picone, signada per Pino Daniele, que va obtenir un gran èxit pel tema ‘Assaie’. Des de llavors ha estat cada cop més important la seva trajectòria musical. Per elecció, canta la música de la seva terra, Nàpols, a la seva manera, en un seguit de melodies i relats. Ens els últims anys ha creat espectacles musicals que expliquen el sud al món, i ha portat la música als escenaris creant un gènere teatral-musical molt seu, que l’ha fet ser coneguda arreu: Lina rossa, Passione mediterranea, Concerto napoletano, Lina in musica, Reginella, Per la strada. Ha cantat amb Caetano Veloso, D. D. Bridgewatter, Ray Charles, Gigi d’Alessio, i especialment ha treballat en col·laboració amb Alessandro Kokocinski a Cuore mio, Melos, Mese Mariano, Processo a Giovanna i Corpo Celeste. El seu últim espectacle, Appunti di Viaggio, és un recital autobiogràfic amb música, text i parts improvisades.
Ha enregistrat diversos discs de música napolitana, un de la ‘Poesia del Novecento’ de Vittorio Gassman i una sèrie titulada Il teatro di Lina. I també ha publicat el relat La casa di Ninetta, dedicat a la seva mare, que també ha dut a escena.
El 2011 va rebre la distinció de Commendatore della Republica de mans del president de la República Italiana.

Si voleu conèixer algunes de les cançons d'aquest espectacle, cliqueu aquí